FANDOM


AWESingapore
SINGAPORE
Informazioni generali
Continente

Asia

Localizzazione

Penisola malese meridionale

Luoghi di interesse

Casa termale di Sao Feng

Abitanti degni di nota

Sao Feng
Tai Huang
Lian
Park

Società
Popolazione

Cinesi
Malesi
Indonesiani

Affiliazioni

Impero di Sao Feng

Dietro le quinte
Prima apparizione

Ai Confini del Mondo (2007)

Ultima apparizione

Ai Confini del Mondo (2007)

"Benvenuti a Singapore."
Sao Feng a Hector Barbossa[src]

Singapore era una piccola città nel sud della penisola malese, in Asia, colonia dell' Impero Britannico. Era un porto costruito con delle palafitte, sulle rive delle varie isolette su cui la città era edificata. Durante la prima metà del XVIII secolo, questo porto ospitò diversi pirati cinesi e malesi tra cui il temibile Capitan Sao Feng, flagello del Mar Cinese Meridionale.

Nel XVIII secolo (ambientazione di Pirati dei Caraibi) Singapore non si poteva ancora definire come una vera e propria città, ma un borgo in via di sviluppo. La città vera e propria attuale è stata fondata solo agli inizi del 1800.


StoriaModifica

Passato Modifica

Il nome Singapore deriva dal nome in lingua malese Singapura (sanscrito: सिंहपुर "Città del leone").

La guerra contro la pirateria (1729) Modifica

Nel 1729, nella casa bagno di Sao Feng avvenne l'incontro tra i due pirati nobili Sao Feng e Hector Barbossa. Quest'ultimo voleva ottenere da Feng la sua conferma alla partecipazione al quarto consiglio della Fratellanza Piratesca e le sue carte nautiche per recuperare Jack Sparrow dallo Scrigno di Davy Jones. L'incontro fu tuttavia interrotto dall'irruzione dei soldati della Compagnia Britannica delle Indie Orientali guidati da Ian Mercer.

Singapore destruction

La Hai Peng salpa da Singapore.

Tra le strade di Singapore scoppiò così una battaglia dei pirati di Sao Feng e la ciurma di Barbossa contro i soldati della Compagnia. Durante la battaglia, molti pirati asiatici vengono uccisi e una fabbrica di fuochi d'artificio venne distrutta dalla scimmia Jack. Con difficoltà, la ciurma di Barbossa riuscì a salpare da Singapore a bordo della Hai Peng, seguita poi dalla Empress, la nave di Feng. Quest'ultima, tuttavia, fu facilmente catturata dalla Compagnia prima di uscire dal porto. Qui Ian Mercer strinse un accordo con Sao Feng: Beckett avrebbe ceduto la Perla Nera a Sao Feng qualora questo lo avrebbe aiutato a catturare Jack Sparrow e la sua ciurma. Feng accettò e continuò con i suoi piani.

DescrizioneModifica

639px-SingaporeArt

Concept arti di Singapore

Singapore si presentava come un borgo di numerose palafitte edificate sull'acqua ed edifici sulla terraferma. Le fondamenta della parte più interna della città risalgono al XVI secolo e sono massicce e solide. All'imboccatura del porto le capanne svettavano sul mare, sostenute da una foresta di pali traballanti: il collegamento fra le varie abitazioni era assicurato da un complesso ed intricato sistema di ponti. Nel corso dei secoli il borgo di Singapore subì ogni tipo di influenza orientale, come quelle indonesiana, cinese e malese. Fra i suoi vicoli si riconoscevano negozi, mercati e luoghi di ristoro che appartenevano alle più disparate culture: luci e profumi si fondevano in un'atmosfera esotica che aggiungeva mistero ad una città piena di sorprese. Il covo di Capitan Sao Feng si trovava lontano dal porto e dagli sguardi indiscreti. Era una casa termale difesa da una miriade di soldati, bene armati e pronti a morire per il loro padrone. Nella casa potevano entrare solo le personalità più importanti e privilegiate della città.

Dietro le quinte e curiositàModifica

  • Nella realtà storica Singapore è stata fondata dalla Compagnia Inglese delle Indie Orientali nel 1819. L'isola di Singapore fu proclamata ufficialmente colonia britannica nel 1867. Grazie alla posizione favorevole e all'esenzione dei dazi, diventò ben presto un florido centro di scambi commerciali. Nel 1965 la Repubblica di Singapore proclamò la propria indipendenza dalla Corona britannica.
  • Partendo dalle indicazioni del regista, Singapore è stata costruita interamente all'interno di uno studio di produzione. Le merci esposte sulle bancarelle, come il cibo e le spezie, erano in parte finte e in parte vere: l'intento era ottenere il maggior grado di realismo possibile.