FANDOM


260px-Jailhouse Dog Shipwreck Cove

Cane della prigione

Questo cane apparteneva al Capitano Edward Teague. Attraverso circostanze sconosciute il cane finì a Port Royal venne incaricato di custodire le chiavi delle prigioni di Fort Charles. Il cane non si faceva mai convincere dai prigionieri a cedergli le chiavi anche se nel 1728 il pirata Pintel riuscì a farsi dare le chiavi dal cane e a fuggire con Ragetti. L'anno successivo venne ritrovato da Teague che lo riportò alla Baia dei Relitti.

Il cane compare in tutti gli episodi della trilogia in cui è stato interpretato da Twister nel primo film e da Chopper nel secondo e terzo film.

BiografiaModifica

L'isola dei RelittiModifica

Vedi: Il prezzo della libertà

Questo cane nacque intorno al 1710 ed apparteneva al capitano pirata Edward Teague, padre di Jack Sparrow, che lo utilizzava per tenere le chiavi di accesso a tutto, comprese le prigioni della Baia dei Relitti. Quando Jack era un ragazzo, uno dei suoi compiti era di nutrire il cane. A differenza di altri cani, questo cane aveva un gusto per il rum. Pochi anni dopo, il pirata francese Christophe-Julien de Rapièr, amico di Jack Sparrow, fu accusato di essere uno dei famigerati pirati traditori che violavano il Codice. Lui e la sua ciurma furono rinchiusi nei sotterranei della Città dei Relitti e condannati all'impiccagione. Jack, che credeva che de Rapièr fosse innocente, insieme a Esmeralda entrò furtivamente nella cabina di Teague sulla sua nave, il Troubadour, e rubò le chiavi dal cane.

Nelle prigioni di Port RoyalModifica

Vedi: La Maledizione della Prima Luna
350px-Prison Dog Curse of the Black Pearl

Il cane con Jack Sparrow nelle prigioni del forte di Port Royal

Attraverso circostanze sconosciute il cane finì a Port Royal, in Giamaica. Il cane si trovava nelle prigioni del forte di Port Royal dove aveva il compito di custodire le chiavi delle celle dove venivano rinchiusi i criminali. Nel 1728, quando Jack Sparrow era rinchiuso in prigione, ci fu un attacco della Perla Nera a Port Royal. Durante l'attacco Jack cercò di farsi dare le chiavi dal cane attirandolo con un osso ma, alla fine, il cane fuggì spaventato da un frastuono all'esterno delle prigioni.

PelegostosModifica

Vedi: La Maledizione del Forziere Fantasma

PirateDog2

Il cane a bordo di una scialuppa con Pintel e Ragetti

Sempre nel 1728, quando Pintel e Ragetti vennero rinchiusi nelle prigioni di Port Royal Pintel, usando uno stratagemma, riuscì a farsi dare le chiavi dal cane per poi fuggire. Il cane fuggì con Pintel e Ragetti e rimase con loro per un anno. Nella primavera del 1729, il cane li accompagnò sull'isola dei Pelegostos sulla cui spiaggia era arenata la Perla Nera. Poco prima lontani da riva, il cane scese dalla loro barca e raggiunse la spiaggia dell'isola a nuoto mentre un'onda rovesciò la barca con Pintel e Ragetti.
175px-Poochie

Il cane come capo dei Pelegostos

Quando Jack Sparrow fuggì dalla tribù cannibale dei Pelegostos a bordo della Perla Nera, gli abitanti dell'isola si misero ad inseguire il cane credendolo una nuova reincarnazione del loro dio.

Ritorno alla Baia dei RelittiModifica

Vedi: Ai Confini del Mondo

E' molto probabile che Edward Teague, avendo sentito anch'egli della presenza della nave di suo figlio sull'isola dei Pelegostos, fosse approdato su quest'isola sperando di incontrare Jack, tuttavia, poiché questo se ne era già andato, trovò solamente il cane che poi si riprese salvandolo dai Pelegostos e riportandolo con sé alla Baia dei Relitti.
275px-TeagueCourt

Il cane con le chiavi del Codice durante il quarto consiglio della Fratellanza

Nell'agosto del 1729, quando Teague fece portare il Codice dei pirati nella sala dei pirati durante il quarto consiglio della Fratellanza, egli chiama con un fischio il cane che entrò nella sala per portargli le chiavi del codice. Pintel e Ragetti rimasero stupiti nel vederlo e chiesero come aveva fatto il cane a fuggire dall'isola dei Pelegostos. Capitan Teague rispose ironicamente che il cane era fuggito dall'isola grazie a delle tartarughe marine, una scusa comunemente usata da suo figlio Jack. Lo stato attuale del cane è sconosciuto.

Dietro le quinte e curiositàModifica

  • Il cane della prigione appare anche in Pirati dei Caraibi Online.
  • Il cane appare anche nel romanzo Il prezzo della libertà dove viene rivelato che Edward Teague era il proprietario del cane.